Le parole che pronunci con convinzione emotiva diventano la vita che vivi: il tuo paradiso oppure il tuo inferno.” Anthony Robbins

Sarà capitato sicuramente anche a te, magari dopo un periodo di festività, di decidere di rimetterti in forma. Alcune persone vengono da me proprio in queste occasioni.

Nel tempo ho notato che ci sono tre cose in particolare a cui pensano spesso, che non consentono di ottenere il risultato sperato. Questi pensieri  sono come quelle canzoni che ti ripeti nella mente e che non vanno via, i  ritornelli (ad ognuno il suo) fanno più o meno cosi:

1) Io non capisco davvero perché non riesco a dimagrire, e pure non mangio tanto, sarà la menopausa oppure il metabolismo lento….(qui oltre alle affermazioni c’è da capire “tanto” cosa significa, in quanto è un’affermazione soggettiva che va approfondita)

2) Io sto attento tutta la settimana ma poi… il week end vado fuori e non mi riesco a controllare, per non parlare dell’attività fisica, non ho un attimo di tempo!

3) Ho fatto tantissime diete, ma niente! Con me la dieta non funziona, dimagrisco solo quando smetto di mangiare il pane e la pasta, ormai mi sono rassegnato!

Queste tre queste affermazioni, seppur diverse  tra loro, hanno in comune tante cose.

Oggi mi interessa  parlarvi della convinzione limitante che hanno  queste persone: esse sono convinte che, se non si raggiunge il risultato sperato, la causa (oltre ad essere inspiegabile!) è anche fuori dal nostro controllo. Di conseguenza, se non dipende da noi, non c’è nulla che possiamo fare per cambiare lo stato delle cose, e quindi è inutile provarci!

In realtà, se ci pensi, tutte le volte che hai raggiunto i tuoi obiettivi nella vita è dipeso quasi sempre da te! Se una cosa è sotto il nostro controllo possiamo certamente condizionarne l’esito, se invece attribuiamo il nostro fallimento a qualche cosa fuori da noi, beh a quel punto non abbiamo scampo! Le convinzioni che abbiamo su noi stessi, condizionano inevitabilmente le nostre azioni. Succede spesso che se ci cantiamo tutti i giorni gli stessi ritornelli, la mente non sarà capace di trovare delle alternative valide a quella che è diventata un abitudine, d’altra parte come puoi pensare di cambiare se fai sempre le stesse cose?

A volte le nostre convinzioni diventano una zona di comfort che è difficile lasciare, però, una volta uscitone, all’inizio ti senti un pò fuori luogo, ma poi trovi un  nuovo posto dove ti senti migliore e stai bene davvero.

Quindi comincia a “cambiare il disco” e vedrai che raggiungerai il tuo peso giusto senza grandi sacrifici. Io oggi ti vengo in aiuto suggerendoti tre nuovi ritornelli delle tue canzoni preferite e ti consiglio di cominciare a cantarli subito alla tua mente:

  1. Io so che il raggiungimento del mio peso ideale dipende dalle mie azioni quotidiane. Con la giusta motivazione ed una nuova organizzazione alimentare, posso raggiungerlo e sono certo che sarà il risultato migliore per me adesso (è chiaro che il peso giusto di una ragazza di 23 anni e ben diverso da quello di una donna di 43 anni che ha avuto 3 bambini seppur entrambe hanno la stessa costituzione).
  2. Io riesco a controllare la mia alimentazione, ascolto il mio corpo e mangio ogni giorno quello di cui ho voglia senza eccedere.
  3. Con un’alimentazione varia ed equilibrata io so di poter raggiungere il mio peso ideale senza rinunciare a nulla.

Ora mi dirai bene Alessandra, ma tra il dire e il fare… Io ti rispondo comincia a dirti le cose giuste e il come fare te lo dirò io!

Se vuoi saperne di più sul mio metodo, Nutriazione.it contiene tutti i dettagli per contattarmi.

Ti aspetto.

Alessandra